Emanuele Garau

Emanuele Garau

Emanuele Garau. Studioso della cultura popolare della Sardegna, cantante e interprete del repertorio sardo, danzatore tradizionale con esperienza trentennale, si è laureato all’Accademia di Belle Arti di Sassari, ha all’attivo una serie di pubblicazioni editoriali concernenti saggi sulla cultura sarda: Il ballo sardo (1997), Maria Carta (1998) per le edizioni della Torre; Duru-duru (2000), Tracce di sacro (2003), A s’andira (2008), Dilliri-dilliri (2013) per le edizioni Condaghes; Biddas (2014) e Toccos de ballu (2016) per la casa editrice NOR, oltre una serie di pubblicazioni discografiche.

Ha praticato il ballo tradizionale fin da bambino, durante le feste nel paese della madre (Scano Montiferro), e in due associazioni folcloristiche, quindi ha svolto un lavoro di studio individuale e approfondimento attraverso la documentazione storica affiancata dalla ricerca nella pratica diretta delle diverse tipologie di balli sardi presenti nell’isola.

Nel 2003 è stato docente di “Etnologia della Musica” presso l’Università di Cagliari e nel 2014 ha collaborato con l’Unità Operativa di Cardiologia e Angiologia dell’Università di Cagliari per uno studio scientifico che ha indagato sull’intensità dell’esercizio e sul dispendio energetico del ballu tundu. Nel 2016 ha collaborato con il dipartimento di Neurologia della Facoltà di Medicina dell’Università di Cagliari e la Facoltà di Medicina dell’Università di Sassari, per uno studio sull’incidenza del ballo sardo nei pazienti che soffrono di Parkinson.

Nel corso della pluriennale esperienza nella pratica del ballo tradizionale ha affinato un metodo didattico utile all’acquisizione delle movenze fondamentali per un’esecuzione corretta e consapevole dei balli tradizionali sardi.